Short interview to Holly Maguire

Our first interview is dedicated to Holly Maguire, a young British illustrator.
Her work tends to have intricate detail, lots of colour and playful imagery made using gouache, pen and ink.

Illustrazione seriali:
 Where are you born and where did you grew up?

Holly Maguire: I was born and grew up in Winchester in the south of England

IS: When did you realize you wanted to work as illustrator?

HM: I decided Illustration was what I wanted to do after spending a day at my Aunties work (she is a fashion designer) when I was around 10.
I think that’s the first time I realized you could be paid to draw!

IS: What did you study at University?

HM: Illustration!

IS: When a client commission you an illustration, how do you start to work? Do you have a working method?

HM: I usually start by making a mood board on Pinterest or having a look through my books. I like to get the inspiration flowing before I start sketching ideas.

IS: Do you prefer to work on paper or do you prefer to work on digital?

HM: Personally I prefer to work on paper. I like having a separation from the computer as a spend a lot of time looking at a screen when I am dong admin work or research.
I do however find photoshop to be a saviour for fixing mistakes and cleaning up my Illustrations!

IS: How do you use colors? what kind of importance they have in your work?

HM: A lot of importance, I like to use a fairly limited palette which often mixes lots of greens and earthy colors with pops of bright and bolder shades.

IS: where do you take inspiration for you art?

HM: Everywhere! From supermarket shelves to taking a jog in the park. I also love to peruse books, pinterest and instagram to find inspiration for my work.

IS: Which are your favourite contemporary illustrators/graphic designers?

HM: I’d have to say Carson Ellis, Yelena Brysenkova and Nina Cosford. They are all hugely talented and so inspiring.

IS: I really like your blog Free Flavors, I see there are many references to illustration and graphic design from the past.
Which are your masters from the past?

HM: That’s tough! I have so many inspirations from the past but they would always include Matisse, Henri Rousseau and M.Sasek.

IS: what is the surface you mostly like to see your work on?

HM: I love seeing my work on clothing. There’s something so fun about seeing people wearing my designs! I also love working on book illustrations.

IS: Do you have a dream project? Something you hope you can realize in the future?

HM: Oooo yes! I would love to illustrate a collection of homewares one day as well as work on more books.

 

 

Louise Lockhart aka The Printed Peanut

Louise Lockart è un’illustratrice freelance, che nel 2012 ha ideato una propria collezione di prodotti illustrati sotto il nome di The Printed Peanut.
Printed Peanut offre una vasta quantità di coloratissimi prodotti e oggetti per bambini e adulti, tutti realizzati in Gran Bretagna.

Online si trovano giochi di carta per bambini, cartoline, cuscini, t-shirt e tazze, ma la collezione è sempre in continua espansione.

Louis racconta che si lascia ispirare da immagini e oggetti che incontra tutti i giorni, come i cartelli scritti a mano fuori dai ristoranti, vecchi giocattoli, confezioni e shopper di negozi di alimentari, poster e pubblicità.

Le sue illustrazioni sono vivaci, colorate e gioiose, con un’estetica velatamente folk e senza tempo.

Il suo primo libro illustrato si chiama “Up My street” (rivisitazione di High Street di Eric Ravilious, 1938) ed è stato pubblicato da una piccola casa editrice inglese, la “Design for Today“.

Si tratta di un libro pieghevole, che ricorda e celebra alcuni dei piccoli negozi delle High Streets (la strada principale dei piccoli centri inglese)che stanno piano piano scomparendo. Sul lato frontale del volume, che una volta aperto raggiunge la lunghezza di 139 cm, sono rappresentati otto negozi, dal take-away indiano, al fiorista e dal panettiere al fruttivendolo.

Girando il volume, ci si addentra all’interno di ogni negozio, dove ogni proprietario mostra con orgoglio i propri prodotti.

E’ possibile acquistare il volume direttamente sul sito www.theprintedpeanut.co.uk

  

 

 

 

 

 

10 illustrazioni per San Valentino

Abbiamo selezionato le nostre illustrazioni preferite per San Valentino!

1. Alexander Girard 

girardstudio.com/

 

2. Thomas Bayrle 

3. Saul Steinberg 

4. Lorenzo Mattotti

www.mattotti.com/

5. Jean Jullien 

www.jeanjullien.com/

6. Petit Luxures

/petitesluxures/

6. Malika Favre

malikafavre.com/

7. Marion Fayolle

/marionfayolle/Les-coquins

8. Olimpia Zagnoli

olimpiazagnoli.com/

 

9. Ryan Heshka

ryanheshka.com/

 

10. Lorraine Sorlet

lorrainesorlet.com/

 

Min Liu – 100 animazioni per un Bloody Diary

Min Liu, è nata e cresciuta a Taiwan. Nel 2010 dopo essersi laureata, si trasferisce a New York, dove frequenta la School of Visual Arts, specializzandosi in animazioni 2d e motion graphics.

Si è fatta notare dal grande pubblico con il suo originale progetto “Bloody Diary”.
Una sorta di diario, durato 100 giorni, in cui Min Liu ci ha raccontato la sua quotidianità attraverso un’animazione in gif.
Min è fedele alla sua palette di colori molto semplice: un efficace mix di rossi, neri e bianchi. Tanti segni grafici (infatti lei stessa racconta che la maggior parte dei suoi lavori sono disegnati a mano) le permettono di giocare molto con lo spazio negativo dell’immagine.

Non fatevi ingannare da morbidi gatti e linee sinuose, le sue animazioni nascondono sempre un elemento bizzarro e un raffinato cinismo.
Liu racconta: “ogni cosa che incontro nelle mie giornate è fonte di ispirazione per Bloody Diary… credo che il mio lavoro rifletta molto della mia personalità. Ho davvero un umorismo nero.”

Potete dare un occhio al progetto completo di Bloody Diary qui:

Ping Zhu per il calendario Burgo 2017

Burgo Distribuzione nasce nel 2004 come distaccamento del gruppo Burgo Group, storica cartiera italiana.
Il suo obiettivo è quello di separare l’attività di produttore da quella di distributore, e rappresenta da anni il punto di riferimento di stampatori ed editori del mercato italiano.

Ogni anno Burgo Distribuzione collabora con i più talentuosi illustratori per la realizzazione del calendario Burgo, con la consulenza artistica di Alessandro Giorgini e Illustri Festival.

Dopo l’edizione del 2016, affidata all’italianissimo Alessandro Gottardo in arte Shout, quest’anno la scelta è ricaduta su Ping Zhu illustratrice americana d’origine cinese, nata a Los Angeles e di base a Brooklyn.

La carta vista come una spiaggia, questa l’intuizione da cui nascono le opere realizzate dall’artista statunitense. Lo stile utilizzato è quello tipico dell’artista: uno stile che mantiene solo i dettagli essenziali delle figure e dei paesaggi, riuscendo comunque ad emozionare chi le osserva.

Attraverso le tinte accese o più tenui dei suoi acquerelli, il paesaggio viene modellato, narrando storie sempre nuove; l’llustratrice – che collabora assiduamente con il New York Times e il New Yorker, nel calendario Burgo rappresenta l’alternarsi delle stagioni, dalle lunghe ombre dell’inverno al calore intenso dell’estate. La carta, in questo modo, diventa custode di storie di vita quotidiana, mentre la spiaggia e il mare si vestono dei colori che il trascorrere del tempo dipinge su di loro.

Su ogni tavola viene lasciato spazio al foglio bianco, che si trasforma in un telo, un cappello o la cresta delle onde del mare. In questo modo si esalta la bellezza intrinseca della materia prima: la carta.

Ping Zhu è un’illustratrice laureata all’Art Center College of Design di Pasadena, California, che
attualmente vive e lavora a Brooklyn (New York). Collabora assiduamente con il New York Times e
il New Yorker. Fra i suoi clienti ci sono Instagram, GAP, American Express, NYU, Ann Taylor,
Stella Artois e Warby Parker. Le sue opere hanno ricevuto riconoscimenti da American
Illustration, Communication Arts, Society of Illustrators, Somerset House e dall’Art Director’s
Club Young Guns 11. Ha esposto le sue opere negli Stati Uniti, ma anche in Francia, Svezia e Regno
Unito. Il suo primo libro illustrato “Swan Lake”, è stato pubblicato da Nobrow Press. Ha realizzato
copertine per Penguin, Helium, Pushkin Press e Hardie Grant. Oltre a lavorare nel suo studio in
Pencil Factory, è anche insegnante di illustrazione al Pratt Institute di New York.

Le illustrazioni giornaliere di Yumi Kitagishi

Yumi Kitagishi, classe 1982, è una giovane illustratrice giapponese che vive e lavora a Tokyo.
Conseguiti gli studi in graphic design, inizia la sua carriera professionale come illustratrice freelance.
Yumi racconta che la passione per il disegno la accompagna fin da quando era piccola, e tuttora il mondo che traspare nei suoi lavori sembra proprio il frutto dell’immaginazione di una bambina.
Oltre ad illustrare libri per bambini, collabora con numerose aziende di design giapponesi; i suoi iconici disegni dallo stile naïf si possono trovare su nastri, carte da pacco, tazze, vassoi e astucci.

Attivissima su Instagram, dove in poco tempo ha collezionato numerosissimi followers, ogni mattina posta la sua illustrazione giornaliera, creando una sorta di calendario raccontato e animato da irresistibili animali come gatti, cani, volpi, topolini, ranocchie vestiti di tutto punto.
Ogni illustrazione racconta una storia del suo mondo immaginario, una storia di quotidianità semplice e ordinaria, fatta di colori accesi e una vitalità che traspare in ogni piccolo dettaglio.
Potete seguire le sue illustrazioni giornaliere, cercando l’hashtag #yumikitagishicalendar