Chatting with Yali Ziv, a young feminist illustrator from Tel Aviv.

A chat with Yali Ziv, young feminist illustrator based in Tel Aviv.

 

IS: Where are you born, where and what did you study and where are you based now.

YZ: My name is Yali Ziv, I am a 27 year old freelance illustrator and I live in Tel Aviv, Israel. I studied visual communication in Shenkar and majored in illustration. I’ve been drawing from a very young age and studying at Shenkar allowed me to turn my love and passion into a career. My years at Shenkar were very meaningful for me; there I got to meet professors and friends that have been a huge influence.

IS: In which way your country has influenced your production? Are there any local artists or craftsmen who influenced your artistic style? And in general, which are the artists who inspire you more?

YZ: There is no doubt in my mind that living and creating in Israel has a very big influence on me and my work. I always try to express my political and social stance through my illustrations. Every time I am strolling or walking around I am constantly watching, observing and collecting influence. My influence comes from a variety of areas: artists that interest me, songs and lyrics of different sorts, fashion, textile, nature, urban culture and mainly people. I really love illustrating random people that I cross paths with, mainly elders. I enjoy observing how they integrate, their body language and to simply imagine what their life is like.

I was always fascinated by naïve art and tribal art. My fathers work brings him to remote parts of the world, and from an early age I was exposed to tribal art and design from different places. African, Aboriginal -Australian, and Islamic arts have influenced my esthetic touch, focusing mainly on textiles and patterns.

My favorite artist of all times is definitely Matisse. My love for bright colors is completely inspired by his paintings, and the same goes for his paper cuttings. I also really love Kazimir Malevich’s work, the aesthetics of Russian children’s books and posters.

IS: Do you work just on commission or do you have also a personal portfolio?

YZ: I work with various techniques and formats and work commercially for advertising agencies, book publishers, designer brands, and private clients; but at the same time it is very important for me to continue to create for myself. This is my way to release any tension and it is inseparable from who I am.

IS: Do you work just with digital or do you have also original works/paintings?

YZ: At a certain point in my artistic process I realised I’m not very interested in realistic drawing and perspective. My stronger points are shapes and colours. I looked for a technique that would feel natural and one where I can develop while I grow as an artist. My greatest love is paper cuttings; something about it feels very organic to me. I love working with geometrical shapes and solid colours and paper gives me that freedom. Even when working digitally I create a set of rules which i take from my experience with paper cutting. I also work with pencils and watercolours.

IS: It seems that in the last years, illustrators have been asked to collaborate with many fashion brands, I’m thinking about Gucci, but also small fashion business such as the Italian Lazzari. Would you like to collaborate with fashion? Are you interested in that? What would you like to illustrate?

YZ: As I have mentioned before, the world of fashion and textile fascinates me – the combination of textile, shapes and colours. I really enjoy illustrating fashion and clothing design. I would love to collaborate with additional fashion designers, and have my fashion illustrations be used in the real world. My dream job is something that can combine illustration, fashion and textile.

IS: Have you ever shown your works in art galleries or similar?

YZ: I have presented my works in many different exhibitions, some which were Shenkar exhibitions, where I studied. This year I have presented in 4 different exhibitions: “illustration week” which occurs in Tel Aviv every year, I presented my final project, I created a joint work with an architect at an exhibition that brings together and connects architects and illustrators and more.

 

IS:  What does it mean being a woman in Tel Aviv? I like that in your works, you represent mostly women in their  daily routine.  Do you consider yourself a feminist? What are your plans for the future?

YZ: I live and create my most basic identity, being a woman. Almost completely, the figures I choose to illustrate are woman and It’s important for me to be intentional about the colors I choose, their body weight ext. I try, from my personal experience, to give presence and representation to the femininity that I relate to. I definitely define myself as a feminist. I think that on one hand, we are in an era where woman are slowly starting to understand and realize their power and their significance, but on the other hand, we are still a part of a world that is controlled and powered by men; a world where woman do not get enough opportunities. I think it is impossible to say that men and woman are equal, we are still very far from being able to say that.

The Design and art world, like the rest of the world, is very male dominated. The experience of being a young, independent, woman illustrator, who needs to be assertive, advertise herself and create relationships with clients is feminist in my opinion. Every day, I am coping and constantly teaching myself how to get and be better.

 

// Italiano

 

IS: Raccontaci un pò di te, dove sei nata, dove hai studiato e  dove vivi attualmente.

YZ: Mi chiamo Yali Ziv, ho 27 anni e sono un’illustratrice freelance che vive a Tel Aviv, Israele. Ho studiato Visual Communication a Shenkar, laureandomi in Illustrazione. Ho iniziato a disegnare fin da quando ero bambina, successivamente, l’aver studiato a Shenkar mi ha permesso di far diventare il mio amore e la mia passione un lavoro.  Gli anni di studio a Shenkar sono stati molto significativi per me, lì ho avuto modo di incontrare professori e amici che sono diventati una grande fonte di ispirazione.

IS: In quale modo la tua Nazione influenza la tua produzione? Pensi che gli artisti locali e gli artigiani abbiano in qualche modo arricchito la tua ricerca stilistica? E in generale, quali sono gli artisti che ti hanno ispirato maggiormente?

YZ: Non c’è nessun dubbio che vivere e creare in Israele, il mio Paese, abbia avuto un’enorme influenza su di me e sul mio lavoro. Cerco sempre di esprimere la mia posizione politica e sociale attraverso le mie illustrazioni.  Ogni volta che passeggio o cammino, sto costantemente guardando, osservando e raccogliendo dati. Le mie ispirazioni provengono da una diversità di aree: gli artisti che mi interessano, canzoni e testi, moda, tessuti, natura, cultura urbana e per la maggior parte la gente. Amo molto illustrare le persone che incontro per caso, specialmente quelle più grandi di me. Mi piace osservare come si integrano, il loro linguaggio del corpo e semplicemente immaginare com’è la loro vita.

Sono sempre stata colpita dall’arte naïve e tribale. Il lavoro di mio padre gli ha permesso di viaggiare in parti del mondo remote, e fin da piccola ho avuto modo di confrontarmi con l’arte tribale e oggetti provenienti da diverse culture. L’arte africana, aborigena, australiana e islamica hanno influenzato molto la mia ricerca estetica, focalizzandomi spesso su tessuti e pattern.

In ogni caso, il mio artista preferito di sempre è Matisse. Il mio amore per i colori vivaci è totalmente ispirato dai suoi dipinti, e lo stesso vale per i suoi cut-out. Amo molto anche Kazimir Malevich, l’estetica dei poster e dei libri per l’infanzia Russi.

IS: Lavori solo su commissione o hai dei lavori che hai creato solo per te?

YZ: Lavoro con tecniche e formati differenti per agenzie pubblicitarie, editori, moda e clienti privati; ma allo stesso tempo è molto importante per me continuare a creare per me stessa. E’ il mio modo per allentare ogni tensione ed è una parte inscindibile di me stessa.

IS: Lavori solo in digitale o  realizzi anche dipinti originali? 

YZ: Ad un certo punto della mia ricerca artistica mi sono accorta che non sono molto interessata alla riproduzione realistica e alla prospettiva. I miei punti di forza sono le forme e i colori. Ho cercato una tecnica che sembrasse naturale e unica, e che potessi sviluppare durante la mia crescita artistica. Il mio più grande amore è il ritaglio di carta; è qualcosa che sento molto connaturato in me. Mi piace lavorare con forme geometriche e colori pieni, e la carta mi dà questa libertà. Anche quando lavoro in digitale, il mio modo di lavorare rimane uguale, lavoro infatti su livelli, come nei collage. Lavoro inoltre con matite e acquerelli.

IS: Sembra che negli ultimi anni, gli illustratori sono stati coinvolti sempre più spesso in collaborazioni con brand della moda, sto pensando a Gucci, ma anche a brand più piccoli, come gli italiani Lazzari. Ti piacerebbe creare una collezione per un brand di moda? Ti interessa la cosa e su quali tessuti vorresti lavorare?

YZ: Come detto anche prima, il mondo della moda e del tessile mi affascinano molto – in particolare la combinazione di tessuti, forme e colori. Mi piace molto creare illustrazioni per moda e abbigliamento. Il mio lavoro ideale sarebbe proprio un’unione di moda, illustrazione e tessuti.

IS: Hai mai esposti i tuoi lavori in gallerie o festival?

YZ: Ho esposto i miei lavori in diverse mostre, alcune di queste sono state a Shenkar, la città dove ho studiato. Quest’anno ho esposto in quattro differenti mostre. Durante  “Illustration week”, che si tiene a Tel Aviv ogni anno, ho esposto il mio progetto finale, che si basa sulla collaborazione tra architetti e illustratori.

IS:  Cosa significa essere una donna a Tel Aviv? Mi piace il fatto che nei tuoi lavori, rappresenti per lo più donne alle prese con la loro quotidianità. Ti consideri una femminista? Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

YZ: Vivo e creo attraverso la mia essenza, ovvero l’essere una donna. Quasi sempre, scelgo di raffigurare donne, ed è importante per me scegliere bene i colori e le forme del loro corpo. Cerco, in base alla mia esperienza personale, di dare forma e rappresentazione al tipo di femminilità con cui mi relaziono, Sicuramente mi definisco una femminista. Da una parte penso che viviamo in un’era in cui le donne stanno lentamente capendo e realizzando il loro potere e la loro importanza. Ma dall’altra parte, siamo ancora parte di un mondo governato e controllato da uomini; un mondo dove le donne non hanno abbastanza opportunità. Credo sia impossibile dire che gli uomini e le donne hanno pari opportunità, siamo ancora molto lontani dal poterlo dire.

Il mondo dell’arte e del design, come tutto il resto del mondo, è dominato dalla presenza maschile. Essere una giovane donna illustratrice indipendente, che ha bisogno di essere determinata, di auto pubblicizzarsi e di creare relazioni con i clienti, è, secondo me, un’esperienza femminista. Ogni giorno, cerco di insegnare a me stessa come migliorare.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.